celebrità con problemi di udito

Celebrità con problemi di udito: ieri e oggi

La celebrità con problemi di udito più famosa al mondo è senza dubbio Beethoven, nonostante i due secoli che ci separano dal celebre compositore. Ciò è dovuto sia alla discreta documentazione in nostro possesso sulla sua vita (lettere e quaderni scritti dallo stesso Beethoven) sia perché siamo affascianti dal fatto che proprio un musicista possa avere problemi di udito o essere addirittura sordo.

Al di là del mito creato attorno alla figura del geniale compositore, nella realtà questa cosa non dovrebbe stupirci: sono moltissimi i musicisti e gli artisti del presente e del passato con problemi di udito.

Personaggi famosi del passato con problemi di udito

Il caso di Beethoven è comunque singolare. Il compositore, proprio nel periodo in cui portava a termine i suoi primi capolavori e il suo genio creativo veniva riconosciuto in tutta l’Europa, cominciò ad accusare i primi sintomi dell’ipoacusia. La sua reazione, come quella di molte persone dei nostri giorni, è stata fortemente negativa: sappiamo che tentò addirittura il suicidio, perché immaginava che la sordità avrebbe potuto distruggere la sua carriera.

Tuttavia, con la forza eroica che contraddistinguerà poi le sue composizioni future, Beethoven riuscirà ad andare avanti e a dedicarsi, nel suo modo sublime ed estremamente moderno, alla musica. Anzi, alcuni dei suoi più grandi capolavori vennero composti proprio quando Beethoven era già completamente sordo.

La storia di Beethoven è anche una testimonianza di un primo rudimentale apparecchio acustico. L’inventore del metronomo Johann Mälzel, amico del compositore, progettò per lui dei cornetti acustici, che avrebbero dovuto aiutarlo a sentire meglio, amplificando i suoni. Questi oggetti possono essere ammirati ancora oggi e recano i segni di graffi e ammaccature: Beethoven era solito lanciarli contro le pareti perché non li riteneva abbastanza efficaci.

Tra gli artisti del passato con problemi di udito posiamo ricordare anche due celebri pittori: Fancisco Goya, la cui sordità influenzò molto gli ultimi anni di produzione artistica, e il Pinturcchio, chiamato scherzosamente “Sordicchio” dai suoi contemporanei, in riferimento ai suoi disturbi uditivi.

Celebrità con problemi di udito dei nostri giorni

Come dicevamo all’inizio di questo articolo, tra le celebrità con problemi di udito dei nostri giorni ci sono soprattutto i musicisti.

Il caso di Sting è uno dei più noti: l’ex cantante dei Police ha reso pubblica la sua condizione già nel 1995 ed è impegnato in diverse campagne di sensibilizzazione sul calo dell’udito e sulla prevenzione uditiva. Così come Beethoven, anche Sting non va molto d’accordo con gli apparecchi acustici, che usa poco e in modo discontinuo (rendendoli così poco efficaci).

Anche Phil Collins ed Eric Clepton soffrono di ipoacusia, mentre il rapper Caparezza dal 2015 convive con l’acufene, quel fastidioso fischio nelle orecchie che avverte anche quando non c’è nessuna fonte ad emetterlo. E proprio a questo disturbo uditivo Caparezza ha dedicato un brano, Larsen, in cui racconta la sua vita di “prigioniero” di quel fischio senza tregua.

Altre celebrità con problemi di udito, appartenenti questa volta al mondo di Hollywood sono William Shatner, Woohopi Goldber, Halle Barry e Jodie Foster.

Quest’ultima in particolare rappresenta il caso in cui una persona con ipoacusia riesce ad accettare il problema, a prenderne consapevolezza e decidere di indossare quotidianamente gli apparecchi acustici, ottenendo buoni risultati.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search
+
Whatsapp